Lo Statuto

Scritto da Administrator on .

COSTITUZIONE E STATUTO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

Oggi, 30 dicembre 2010, con la presente scrittura i Signori:

- Giambelli Rolando, nato a Brescia l’01.07.1949, residente a Brescia in Via Oriani n. 14, Codice Fiscale GMB RND 49L01 B157I,

- Magri Alice, nata a Brescia il 14.11.1952, residente a Brescia in Via Oriani n. 14, Codice Fiscale MGR LCA 52S54 B157I,

- Giambelli Alessandro, nato a Brescia il 15.04.1973, residente a Brescia in Via Oriani n. 14, Codice Fiscale GMB LSN 73D15 B157X,

dichiarano

di voler costituire un’associazione sportiva dilettantistica denominata “AUTO PEDAL CLUB ITALIANO – BRESCIACORSE 10,00 MIGLIA” (A.P.C.I.B. 10 MIGLIA) che ha lo scopo di mantenere attivo l’uso delle automobili a pedali antiche e moderne sia a scopo collezionistico che sportivo/competitivo promuovendo: mostre di auto a pedali d’epoca, gare di Formula “Auto a Pedali” secondo i regolamenti ufficiali internazionali vigenti ed altre manifestazioni e convegni per tal senso.

L’associazione avrà la sede a Brescia in Via C. Biseo n. 18.

I Sigg. Giambelli Rolando, Magri Alice e Giambelli Alessandro sono i soci fondatori di tale associazione.

Essi assumono sin da ora le seguenti funzioni:

Sig. Giambelli Rolando: Presidente

Sig.ra Magri Alice: Segretario

Sig. Giambelli Alessandro: Consigliere

Essi resteranno in carica fino al 31.12.2011.

Il primo esercizio di gestione termina il 31.12.2011.

L’associazione avrà una durata illimitata.

Lo Statuto qui allegato è parte integrante dell’atto costitutivo.

 

STATUTO

ART. 1 – E’ costituita un’associazione sportiva dilettantistica denominata “AUTO PEDAL CLUB ITALIANO – BRESCIACORSE 10,00 MIGLIA” –  (A.P.C.I.B. 10 MIGLIA) , con sede a Brescia in Via C. Biseo n. 18.

ART. 2 – L’Associazione non ha fini di lucro.

ART. 3 – L’Associazione ha le seguenti finalità:

1) divulgare e mantenere costantemente attivo l’uso dell’automobile a pedali (Pedal Car).

2) diffondere la conoscenza della produzione antica e moderna di auto a pedali proponendo nuovi veicoli e incentivare lo studio per la progettazione e costruzione di nuove Pedal Cars.

3) organizzare mostre, convegni, seminari sull’utilità e sui benefici psicofisici derivanti dall’uso dell’auto a pedali.

4) avvicinare i giovani alla pratica sportiva dell’auto a pedali come mezzo HPV (Human Powered Vehicle) ovvero: Veicolo  Motorizzato dalla Forza Umana a 4 ruote.

5) organizzare viaggi in Italia e all’estero in occasione di trasferte per gare di auto a pedali del Team Sportivo dell’Associazione.

6) raggruppare e sviluppare il contatto tra collezionisti di auto a pedali.

7) sviluppare i contatti con altri Team e associazioni sportive per favorire l’organizzazione di gare e Gran Premi di auto a pedali

8) ricercare foto, libri, video per allestire una mostra sulle automobili a pedali usate da bambini e da adulti senza limite di età.

9) organizzare ogni anno a  Brescia una stagione agonistica con varie gare automobilistiche a pedali con eliminatorie e la cui finale si correrà in specifica data, nel “Gran Premio di Brescia 10,00 Miglia” .

10) ideazione ed emissione di un francobollo commemorativo del “Gran Premio di Brescia 10,00 Miglia” organizzato e promosso da “AUTO PEDAL CLUB ITALIANO – BRESCIACORSE 10,00 MIGLIA”

11) acquisizione di nuovi associati

12) pubblicazione di un organo di stampa periodico dell’Associazione dal titolo: “AUTO PEDAL CLUB ITALIANO – BRESCIACORSE 10,00 MIGLIA - NEWS”

ART. 4 – I fondi dell’Associazione saranno costituiti dalle sovvenzioni che ad essa verranno da quanti hanno interesse allo sviluppo della sua attività, siano essi singole persone od enti pubblici o privati, da lasciti o donazioni, dalle quote annuali versate dai soci nella misura che annualmente sarà fissata dall’Assemblea dell’Associazione stessa, dalle quote di partecipazione alle diverse attività che l’associazione si propone di svolgere e che saranno stabilite di volta in volta dall’Assemblea.

ART. 5 – Con i fondi l’Associazione provvede, oltre che alle spese correnti di funzionamento, anche al pagamento dei compensi per tutti coloro che prestino a diverso titolo la loro opera.

ART. 6 – L’esercizio sociale si chiude al 31 dicembre di ogni anno.

ART. 7 – L’Associazione è composta da soci fondatori e soci ordinari aventi lo stesso diritto di voto.

I soci fondatori sono coloro che hanno costituito tale associazione.

I soci costituiscono l’Assemblea dell’Associazione. Possono chiedere l’iscrizione come soci ordinari coloro che intendono aderire all’Associazione con l’intento di sostenere in modo continuativo l’attività e attuarne le finalità.

Le domande  di iscrizione devono essere presentate al Consiglio Direttivo il quale insindacabilmente le accoglierà o le respingerà, senza obbligo di motivazione, con la maggioranza di due terzi dei componenti il Consiglio stesso.

Ogni socio dovrà versare la quota associativa entro il 31 marzo di ogni anno.

La qualità di socio si perde:

- per dimissioni

- per morosità

- per radiazione

e viene votata dal Consiglio con la maggioranza dei due terzi degli aventi diritti al voto.

ART. 8 – Organi dell’Associazione sono: L’Assemblea, il Consiglio, la Presidenza.

ART. 9 – L’Assemblea che è l’organo deliberante dell’Associazione ed è composta dai soci ordinari e fondatori

- approva il bilancio consuntivo dell’esercizio predisposto dal Consiglio Direttivo,

- approva il bilancio preventivo predisposto dal Consiglio Direttivo,

- fissa l’entità delle quote sociali e di iscrizione alle varie attività

- elegge i componenti del Consiglio Direttivo,

- delibera sul programma delle attività da svolgersi annualmente.

ART. 10 – L’Assemblea deve essere convocata dal Consiglio almeno una volta all’anno e tutte le volte che il Consiglio o il 20% dei soci di cui all’Art.9 lo ritengano opportuno, con un preavviso di almeno 15 giorni.

L’Assemblea è validamente costituita e delibera con le maggioranze previste dagli art. 2368 e 2369 del Codice Civile.

ART. 11 – Il Consiglio Direttivo sarà eletto dall’Assemblea e sarà composto da un numero di soci variabile da tre a sette, di cui almeno un socio fondatore, determinato di volta in volta dall’Assemblea: il Consiglio Direttivo dura in carica un quinquennio.

Il Consiglio Direttivo ha le funzioni di gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione nell’ambito delle linee generali fissate dall’Assemblea, viene convocato dal Presidente.

ART. 12 -  Il Presidente dell’Associazione dura in carica un quinquennio ed è eletto dal Consiglio al suo interno.

Il Presidente ha la firma e la rappresentanza legale dell’Associazione.

Il Consiglio Direttivo elegge di anno in anno il Vicepresidente che sostituisce il Presidente nei casi di sua assenza o impedimento.

ART. 13 – Lo Statuto può essere modificato soltanto con la maggioranza dei due terzi dei soci di cui all’articolo 9.

L’eventuale scioglimento dell’Associazione sarà deciso dall’Assemblea con la stessa maggioranza dei due terzi.

Nel deliberare lo scioglimento, l’Assemblea deciderà sul caso di attribuire il fondo comune ad associazioni affini od enti.

ART. 14 – Fino al 31.12.2011 la gestione è affidata ai soci fondatori che nel frattempo provvederanno ad attivare le iscrizioni dei soci e, di seguito, creare gli organi dell’associazione.

ART. 15 -  Per quanto non espressamente indicato nel presente atto si fa riferimento alle vigenti disposizioni di legge ed alle norme consuetudinarie in materia.

 

Brescia, li  30.12.2010.

 

I SOCI FONDATORI

 

Giambelli Rolando………………………………

 

Magri Alice………………………………………

 

Giambelli Alessandro…………………………….